Autismo, DSA e…

Dott.ssa Donatella Ghisu Ψ

Problematiche dell’infanzia e crisi adolescenziali

disturbi-evolutivi-Problematiche-dell’infanzia-e-crisi-adolescenziali-a-Gallarate-Varese-930x300 (1)

Durante la crescita il bambino (e poi l’adolescente) può sperimentare dei momenti di disagio: molti cambiamenti somatici, psichici, comportamentali, ambientali lo pongono di fronte ad una serie di compiti evolutivi da superare per poter gradualmente diventare un individuo indipendente ed autonomo, pronto ad affrontare la vita.

Le difficoltà che si incontrano lungo la strada possono essere vissute in modo più o meno tragico in una dimensione totalmente soggettiva; ecco perché non sempre è facile comprendere le espressioni del disagio del proprio figlio che si può manifestare a livelli differenti: difficoltà relazionali, disturbi dell’apprendimento, sintomi somatici, rifiuto sociale, ecc.

Ogni fase di crisi ha una sua logica ed una sua storia che necessita di essere interpretata anche per permettere al bambino/ragazzo stesso di comprendere ciò che accade dentro ed intorno a lui. L’apprendimento del resto è un fenomeno complesso, ma indispensabile per poter affrontare la vita.

Il bambino spesso non è in grado di esplicitare con le parole il proprio malessere, per cui il corpo è un’importante fonte da interrogare per trovare un Senso da restituire a lui e alla famiglia.

Lo stesso vale per gli adolescenti che si trovano impegnati in un processo di separazione per individuarsi come soggetti; il corpo in questa fase della vita, oltre a subire ulteriori mutamenti, viene investito di nuovi e talvolta angoscianti significati in quanto si predispone principalmente alla sessualità. La parola “crisi” vuol dire rottura che del resto avviene in ogni fase importante della vita. La rottura con la fase infantile, la ricostruzione di una nuova identità passando da essere il bambino a qualcosa d’altro può essere molto angosciante per un adolescente. Non di meno a tutto ciò si aggiunge l’angoscia dei genitori che vorrebbero proteggere il proprio figlio ma, nello stesso tempo, sono costretti a lasciarlo andare per sperimentare se stesso nel mondo.

Lo studio della Dott.ssa Donatella Ghisu offre spazi di elaborazione e riflessione per far fronte a situazioni ormai fuori controllo o che rischiano di diventare croniche laddove, spesso, si tratta di tradurre dei segni e ripristinare una comunicazione che, per molteplici motivi, è venuta meno.

Non esiste un protocollo d’intervento prestabilito: è necessario – in prima battuta – comprendere, insieme a genitori e figli, quali sono i punti salienti su cui lavorare. In seguito sarà possibile stabilire quali tecniche di intervento possono essere più adeguate.

telefono1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...