Autismo, DSA e…

Dott.ssa Donatella Ghisu Ψ

INTRODUZIONE ALLE TEMATICHE DELL’ETÀ EVOLUTIVA

◊    L’EDUCAZIONE SOCIO-AFFETTIVA DEL

BAMBINO

 Interrogativi fondamentali

L’indagine psicologica sul bambino si pone alcune interrogativi essenziali:

COME, CHE COSA? Questo interrogativo riguarda la descrizione del comportamento del bambino, ossia l’individuazione dell’oggetto d’indagine.

Esempio: Cosa fa il bambino quando riceve una frustrazione? Come reagisce il bambino agli estranei? Cosa fa un bambino di 5 anni per quando affronta un certo compito cognitivo?

QUANDO? Questo interrogativo riguarda l’individuazione delle fasi di sviluppo in cui si manifestano certi comportamenti. Esistono dei periodi nel corso del quale un particolare tipo di esperienza esercita un effetto diverso da quello esercitato in altri momenti dello sviluppo. Si tratta dei cosiddetti periodi critici.

DOVE? Questo interrogativo riguarda l’ambiente in cui cresce il bambino e come tale ambiente influenza il suo sviluppo psicologico.

PERCHÈ? Questo interrogativo riguarda l’indagine sulle cause di un certo comportamento del bambini. Con quest’ultimo interrogativo passiamo dal momento descrittivo al momento esplicativo. Vengono costruite le basi di una teoria. Una teoria non è altro che un tentativo di mettere ordine all’insieme di informazioni raccolte, fornendo così alcune spiegazioni generali. I quesiti relativi al perché e al che cosa si intrecciano in continuazione, in quanto man mano che viene elaborata una teoria per spiegare ciò che si è osservato, si procede a nuove osservazioni per confermare la teoria stessa.

Nell’ambito della psicologia dell’età evolutiva esistono tre principali correnti teoriche:

Teoria dell’apprendimento (comportamentismo), Teoria psicodinamica (psicanalisi), Teoria dello sviluppo cognitivo (epistemologia genetica).

TEORIA

ESPONENTI

PRINCIPALI

CONTRIBUTI PIÙ IMPORTANTI

PUNTI DI FORZA E PUNTI DEBOLI

Apprendimento B.F. Skinner
W. Bandura
S.W. Bijou

 

Individuazione dei principali meccanismi dell’apprendimento.

Sistematizzazione dei principi generali che regolano il comportamento.

Ampio ricorso all’indagine scientifica.

Convalida sperimentale.

Scarsa attrattività ideologica e culturale.

PsicodinamicaS.Freud
D. Winnicot
Tentativo di spiegare lo sviluppo psicosessuale

Ipotesi sui traumi infantili

 

Formulazione di quesiti importanti.

Mancanza di spiegazioni scientificamente convalidate

Sviluppo cognitivo

J. Piaget

Studio dello sviluppo intellettivoIdentificazione di  importanti meccanismi cognitivi. Scarsa rilevanza a fattori ambientali e culturali.

Utilità delle conoscenze sull’andamento dello sviluppo infantile: (HURLOCK)

  • Sapere cosa ci si deve aspettare dal bambino (pericolo delle troppe aspettative e delle poche aspettative)
  • Poter valutare la normalità dello sviluppo del bambino
  • Essere in grado di guidare l’apprendimento del bambino Poter preparare in anticipo il bambino ai cambiamenti.

 

Concetto di crescita e di sviluppo e maturazione. (HURLOCK)

CRESCITA: si riferisce ai cambiamenti quantitativi (aumento di misure e di volume).

SVILUPPO: riguarda una serie di cambiamenti ordinati e progressivi; si riferisce all’aspetto qualitativo oltre che quantitativo.

MATURAZIONE: è costituita dal rivelarsi delle caratteristiche potenzialmente presenti nell’individuo e provenienti dalla sue dotazione genetica

 

Fattori facilitanti uno sviluppo armonico:

  •  condizioni di salute buone
  •  assenza di deficit fisici
  •  ambiente stimolante e facilitante
  •  programmazione di mete realistiche
  •  fiducia in se stesso
  •  limitazione delle cause di comportamento antisociale
  •  esperienze socializzanti positive

Importanza delle prime esperienze e dei primi schemi di comportamento appresi (HURLOCK )

I primi elementi strutturali del comportamento tendono a trasformarsi in schemi abituali che permangono durante la crescita.

Contrariamente a certe credenze, i tratti negativi del bambino non diminuiscono durante la crescita.

Prima si cerca di produrre un cambiamento, più esso è facile da acquisire per il bambino.

Gli anni che precedono la scuola (dai 2 ai 5) sono tra i più importanti tra tutti i periodi dello sviluppo: in questo periodo si gettano le basi per le più complesse strutture comportamentali.

Condizioni facilitanti una strutturazione adeguata dello sviluppo infantile:

  • favorevoli relazioni interpersonali
  •  condizioni emotive positive
  • metodi educativi adeguati
  • precoce attribuzione di ruoli funzionali
  • struttura familiare
  • stimolazione ambientale


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...