Autismo, DSA e…

Dott.ssa Donatella Ghisu Ψ

La Prima Infanzia

I riflessi e le prime abilità percettive e motorie

prima-infanzia

Il bambino inizia a rispondere all’ambiente che lo circonda, già durante la vita intrauterina (a 11 settimane deglutisce se gli si stimolano le labbra  e a 28 presenta la suzione).

Appena nato ha diversi comportamenti riflessi, controllati dal tronco encefalico che assicurano la sopravvivenza quando la corteccia non è ancora matura.

I riflessi più evidenti sono il:

  • Riflesso di suzione -> girare la testa dal lato in cui la guancia viene toccata;
  • Riflesso di Moro     -> dopo un brusco cambiamento di posizione del capo, il neonato allarga le braccia rapidamente e poi le riporta verso la linea mediana del corpo come se stesse abbracciando qualcuno:
  • Riflesso di afferramento -> provocato dalla pressione dei tendini flessori delle dita, dà luogo ad una presa che gli consentirebbe di restare appeso per qualche attimo ad una corda;
  • Riflesso di nuoto -> provocato dall’immersione in acqua in posizione ventrale;
  • Riflesso di marcia -> quando è sostenuto sotto le ascelle in posizione verticale.

4963277-madre-insegnamento-bambini-mamma-aiuta-il-figlio-impara-a-camminare-sulle-sue-proprie-per-la-prima-v

Questi elencati, sono tutti comportamenti riflessi involontari e scompaiono o si trasformano in atti volontari con la maturazione della corteccia cerebrale.

Quando essi non sono presenti alla nascita, possono essere indice di deficit motorio e/o cognitivo. Le causa possono riguardare l’anossia cerebrale (compressione del cordone ombelicale/infezioni virali materne/irradiazioni dannose/assunzione incauta di farmaci…). Anche i traumi all’encefalo (come può capitare durante il parto distocico) possono creare patologie encefaliche e non encefaliche (deficit motorio/sensitivo/sensoriale/del linguaggio/epilessia/disturbi intellettivi e caratteriali).

Appena nato, il bambino, ha anche un sistema sensoriale relativamente maturo: discrimina diverse intensità di luce e dirige gli occhi e il capo verso uno stimolo visivo o nella direzione di provenienza di un suono. La sua visione no è binoculare e i suoi occhi per diverse settimane funzionano indipendentemente; vede oggetti che sono a 25 cm da lui, quelli lontani non sono nitidi come verso i 6 mesi.

Risponde a suoni di 40-60 decibel (gamma della voce umana) e a 5-10 gg discrimina la voce della madre da quella di un estraneo.

Gusto e olfatto sono abbastanza sviluppati tanto da evitare odori e sapori sgradevoli. Discrimina, anche, la propria madre in base al suo odore.

Quando nasce, il bambino, pare preadattato alle esigenze ambientali: può localizzare un suono, individuare oggetti con la vista, sapere che quando ode un suono avrà qualcosa da guardare, comprendere che l’oggetto in movimento può essere solido e tangibile.

I comportamenti, come voltarsi verso il capezzolo, il riflesso di suzione, la rotazione della testa, hanno funzione adattiva perché orientati ad ottenere cibo ed evitare stimoli nocivi, come una luce particolarmente intensa.

L’integrazione fra i diversi sensi è permessa dalla motricità che è raggiunta gradualmente attraverso una serie di stadi di sviluppo la cui successione segue uno schema prestabilito in due direzioni: CEFALO-CAUDALE e PROSSIMO-DISTALE. Perciò si verificano prima i movimenti del capo e poi quelli del resto del corpo e le strutture più vicine all’asse centrale del corpo si sviluppano prima delle altre.

Nel primo anno, lo sviluppo motorio dipende dalla maturazione biologica e se l’apparato muscolare non è maturo, insegnare al bambino a camminare con una impostazione non adeguata, sarà un fallimento.

Alcune ricerche hanno stabilito che esercitando sistematicamente il riflesso di deambulazione, presente alla nascita, per far sì che non si perda, i bambini iniziano a camminare prima.

L’apprendimento motorio si può migliorare con una adeguata stimolazione, ma è progressivo e sequenziale, visto che la successione temporale della acquisizione può essere accelerata e mai invertita.

madre-che-esercita-il-suo-giovane-bambino-27830111

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...